Il turismo sostenibile, i viaggi responsabili, lo slow tourism, le strutture ecosostenibili: sono tutti temi di grande attualità e importanza.

Sapete tutti cosa vuol dire essere dei viaggiatori sostenibili?

Proviamo a spiegarvi la nostra visione rispetto a questo argomento che ci sta molto a cuore.

 

TURISMO SOSTENIBILE SECONDO “CHI VIAGGIA TROVA”

Fabri ed io viaggiamo da tanto tempo, abbiamo visitato moltissimi Paesi e speriamo di vederne ancora molti in futuro. Proprio per questo ci teniamo a salvaguardare l’ambiente, l’etica e l’economia dei luoghi che visitiamo.

Il turismo sostenibile è quel turismo che riesce a coniugare le esigenze del viaggiatore, così come quelle del Paese ospitante.

Per noi vuol dire vivere i posti che visitiamo con estremo rispetto e armonia verso la natura, sostenere le economie locali, vivere in sintonia con le culture e le tradizioni dei popoli che incontriamo.

A noi piace immergerci nella natura, vivere a stretto contatto con gli abitanti dei Paesi che visitiamo, comprendere le loro difficoltà e cercare, nel nostro piccolo, di sostenerli.

Il settore del turismo è, purtroppo, uno dei più inquinanti nel nostro Paese e in tutta Europa.

É proprio per questo motivo che dobbiamo contribuire ad un modo di viaggiare più responsabile, più lento e più rispettoso.

COME DIVENTARE UN VIAGGIATORE RESPONSABILE

Penso che molti di voi, così come anche noi in passato, credano che sia una questione di soldi e che sia molto più costoso e impegnativo organizzare un viaggio sostenibile.

La sostenibilità ha poco a che vedere con il portafogli e possiamo rendere sostenibile ogni viaggio, ogni destinazione e con qualsiasi tipo di budget.

Iniziamo dalla scelta del mezzo di trasporto:

Noi scegliamo l’aereo solo per le lunghe distanze, laddove non è possibile spostarsi in altro modo. Altrimenti cerchiamo di prediligere il treno, il noleggio di auto elettriche o i mezzi condivisi.

Rispetto per l’ambiente:

Facciamo la raccolta differenziata anche quando siamo in vacanza, lasciamo puliti tutti i posti che visitiamo e cerchiamo di ridurre al minimo i rifiuti e lo spreco.

Viaggio senza plastica:

Evitiamo di acquistare prodotti in confezioni di plastica, soprattutto acqua e altre bibite. Preferiamo portare sempre la nostra borraccia da riempire e riutilizzare all’infinito (o quasi!).

Risparmio energetico e idrico:

Non pensiamo di avere il diritto di lasciare luci accese o di far scorrere l’acqua mentre stiamo lavando i denti, solo perché a fine mese non riceveremo la bolletta. Dobbiamo salvaguardare le risorse non rinnovabili.

Sostenere l’economia locale:

Questo punto è molto importante per noi. Scegliamo sempre di scegliere alloggi gestiti da persone del posto, mangiamo nelle piccole trattorie locali e preferiamo il cibo locale e a km0.

Prodotti ecosostenibili:

Da anni utilizziamo creme solari e altri cosmetici biologici, ricordatevi che quello che vi spalmate addosso può andare a finire nell’acqua di quel meraviglioso mare in cui avete appena nuotato.

Acquisti artigianali:

Quando siamo alla ricerca dei nostri souvenir di viaggio, cerchiamo di acquistarli nelle botteghe artigianali. Non portate mai sabbia, conchiglie, pietre e altro via con voi. Sembra nulla, ma danneggia gravemente l’ecosistema.

Rispetto verso gli abitanti del luogo:

Noi adoriamo vivere i nostri viaggi a stretto contatto con i residenti dei posti che visitiamo, imparare a conoscere e rispettare la loro cultura e le loro tradizioni. Questo per noi è il vero e proprio viaggio, assaporare in tutto e per tutto il Paese che stiamo visitando.

Viaggiare lentamente:

I posti che visitiamo non devono essere delle spunte sulla mappa. Dobbiamo goderceli, usare la bici o le nostre gambe per scoprirli ed evitare di saltare da un posto all’altro senza trattenere nulla di quello che quel Paese ha da offrirci.

Evitare le mete sovraffollate:

Quante volte vi è capitato di andare in un posto, magari anche bellissimo, solo perché è famoso e ci vanno in tanti? In questo modo sostenete l’overtourism e lo sfruttamento della natura e dei residenti. Esistono così tante mete poco conosciute, lontane dal turismo di massa e vicine alla natura. Sono posti incontaminati che possiamo scoprire in modo sostenibile.

Strutture ecosostenibili:

Ce ne sono oramai tantissime in tutto il mondo. Sono hotel, appartamenti, campeggi che utilizzano fonti rinnovabili, offrono cibo a km0 e promuovono le attività locali e i mezzi condivisi.

 

Ricordiamoci sempre che siamo ospiti e, come tali, dobbiamo entrare in punta di piedi ed essere grati alle persone e all’ambiente che ci stanno accogliendo.

In fondo a tutti noi piace viaggiare e, se vogliamo continuare a farlo, dobbiamo diventare consapevoli e responsabili.

 

 

 

Sandra Post, Viaggi Sostenibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *